Erasmus +

822

Erasmus+: il nuovo programma dell’UE per l’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport per il periodo 2014-2020.

Il programma Erasmus+ intende migliorare le competenze e le prospettive professionali e modernizzare l’istruzione, la formazione e l’animazione socioeducativa. Il programma dispone di un bilancio di 14,7 miliardi di euro per sette anni, il 40% in più rispetto alla spesa attuale, riflettendo l’impegno dell’UE a investire in questi settori.

Erasmus+ offrirà a oltre 4 milioni di europei l’opportunità di studiare, formarsi, acquisire esperienza professionale e fare volontariato all’estero.

Il programma sosterrà i partenariati transnazionali fra organizzazioni che operano nei settori dell’istruzione, della formazione e della gioventù per favorire la collaborazione e riavvicinare il mondo dell’istruzione e del lavoro, con l’obiettivo di far fronte all’attuale fabbisogno di competenze in Europa.

Appoggerà inoltre gli sforzi nazionali per modernizzare l’istruzione, la formazione e le associazioni giovanili. In ambito sportivo il sostegno andrà ai progetti amatoriali e alla soluzione di problemi transfrontalieri, fra cui le partite truccate, il doping, la violenza e il razzismo.

Erasmus+ raggruppa sette programmi dell’UE già esistenti nei settori dell’istruzione, della formazione e della gioventù. Per la prima volta, includerà anche lo sport. In quanto programma integrato, Erasmus+ offre maggiori opportunità di collaborazione fra istruzioneformazionegioventù e sport e, grazie a regole di finanziamento semplificate, sarà più facile usufruirne.

Azioni: 

Prevede tre tipi di azioni fondamentali (Keys Actions):

  • La mobilità individuale ai fini di apprendimento: la mobilità rappresenta una quota significativa del bilancio complessivo. Tale incremento, unitamente all’enfasi sulla qualità della mobilità e a una concentrazione di priorità e impegno, dovrebbe accrescere la massa critica e l’impatto anche oltre i singoli e le istituzioni coinvolti.
  • Cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche: maggiore enfasi è stata posta sul rafforzamento dei partenariati innovativi tra istituti di istruzione e imprese. Nell’ambito dell’istruzione superiore si è posto l’accento sul rafforzamento delle capacità, concentrandosi sui paesi della politica europea di vicinato e sui partenariati strategici con i paesi sviluppati e le economie emergenti.
  • Sostegno alla riforma delle politiche: le riforme politiche puntano a rafforzare gli strumenti e l’impatto dei metodi aperti di coordinamento nei settori dell’istruzione, della formazione e della gioventù, attuare la strategia Europa 2020 e promuovere il dialogo politico con paesi terzi e organizzazioni internazionali.

Azione fondamentale 1(KA1): Mobilità individuale ai fini di apprendimento
Il sostegno alla mobilità di Erasmus per tutti si concentrerà sulle seguenti attività fondamentali:

  1. Mobilità per gli studenti a tutti i livelli dell’istruzione superiore e degli studenti, degli apprendisti e degli alunni nell’istruzione e nella formazione professionale.
  2. Mobilità del personale, nell’ambito dei Paesi del programma in particolare per insegnanti, formatori, dirigenti scolastici e operatori giovanili. Tale mobilità può esplicarsi nell’insegnamento o negli assistentati o nella partecipazione ad attività di sviluppo al’estero.

L’azione sostiene altresì la mobilità internazionale degli studenti e del personale da e verso i paesi partner per quanto riguarda l’istruzione superiore, nonché la mobilità organizzata sulla base di diplomi congiunti, doppi o multipli di alta qualità o inviti congiunti a presentare proposte.

Azione fondamentale 2(KA2): Cooperazione per l’innovazione e le buone pratiche
Il sostegno alla cooperazione di Erasmus per tutti si concentrerà su quattro attività principali:

  1. Partenariati strategici tra istituti di istruzione/organizzazioni giovanili e/o altri attori pertinenti.
  2. Partenariati di larga scala tra gli istituti di istruzione e di formazione e le imprese sotto forma dialleanze della conoscenza nell’istruzione superiore e alleanze delle abilità settoriali.
  3. Piattaforme di supporto informatico, compreso l’e-Twinning.
  4. Rafforzamento delle capacità in paesi terzi, con particolare enfasi sui paesi della politica europea di vicinato.Azione fondamentale 3(KA3): Sostegno alla riforma delle politicheIl sostegno alle riforme delle politiche comprende le attività avviate a livello di Unione connesse:
    1. all’attuazione dell’agenda politica dell’Unione in materia di istruzione e formazione nel contesto del OMC, nonché ai processi di Bologna e di Copenaghen;
    2. all’attuazione, nei paesi del programma, degli strumenti dell’Unione di trasparenza e di riconoscimento, in particolare il Quadro unico dell’Unione per la trasparenza delle qualificazioni e delle competenze (Europass), il Quadro europeo delle qualifiche (EQF), il Sistema europeo di trasferimento di crediti accademici (ECTS), il Sistema europeo di crediti per l’istruzione e la formazione professionale (ECVET), il Sistema europeo di crediti per l’istruzione e la formazione professionale (EQAVET), il Registro europeo di certificazione della qualità dell’istruzione superiore (EQAR) e l’Associazione europea per la garanzia della qualità nell’istruzione superiore (ENQA), nonché il sostegno alle reti dell’Unione e alle organizzazioni non governative europee (ONG) operanti nel settore dell’istruzione e della formazione;
    3. al dialogo politico con le parti interessate europee nel settore dell’istruzione e della formazione;
    4.  al NARIC, alle reti Eurydice e Euroguidance e ai centri nazionali Europass.

    L’azione sostiene inoltre il dialogo politico con i paesi partner e con le organizzazioni internazionali

    Iniziativa Jean Monnet
    Per le istituzioni interessate ad assicurarsi il riconoscimento della qualità dei loro programmi di studio dell’integrazione europea, la Commissione creerà il marchio di eccellenza Jean Monnet. Anche la rete dei Professori Jean Monnet funge da gruppo di riflessione per il sostegno alla governance e alla definizione delle politiche dell’UE. Il dialogo tra il mondo accademico e i responsabili politici sarà conseguentemente rafforzato.

    Azioni nel settore dello sport

    Al fine di sviluppare una dimensione europea nello sport, il programma fornisce sostegno alle seguenti attività:

    • progetti di collaborazione transnazionali;
    • eventi sportivi europei non commerciali di prima importanza;
    • rafforzamento della base di conoscenze comprovate per la definizione di politiche nel settore dello sport;
    • rafforzamento delle capacità nello sport;
    • dialogo con le parti interessate europee.

    Obiettivi:

    Il programma Erasmus+ contribuisce al conseguimento:
    a) degli obiettivi della strategia Europa 2020, compreso l’obiettivo principale in materia di istruzione;
    degli obiettivi del quadro strategico per la cooperazione europea nel settore dell’istruzione e della formazione (“ET2020”), compresi i corrispondenti parametri di riferimento;
    c) dello sviluppo sostenibile dei paesi partner nel settore dell’istruzione superiore;
    d) degli obiettivi generali del quadro rinnovato di cooperazione europea in materia di gioventù (2010-2018);
    e) dell’obiettivo dello sviluppo della dimensione europea dello sport, in particolare lo sport di base, conformemente al piano di lavoro dell’Unione per lo sport; nonché
    f) della promozione dei valori europei a norma dell’articolo 2 del trattato sull’Unione europea.